Recensione Wake Lisa McMann

Titolo:Wake Cronache dell'incubo
Autore:Lisa McMann
Editore:Newton Compton
Trama:
Janie ha solo sedici anni ma nessuno sa che ha uno strano, inspiegabile potere: quello di entrare nei sogni degli altri. Cadere nel vuoto, fare sesso estremo, camminare nudi sotto lo sguardo indifferente di tutti: Janie ha assistito a questo e molto altro. Conosce i desideri più intimi dei vicini e dei compagni di scuola, le loro fantasie più sfrenate. Ma non può parlarne con nessuno, la prenderebbero per pazza. Fino a quando, una notte, urla e si risveglia in preda al terrore. Qualcuno ha un inquietante segreto da nascondere. E sta sognando proprio lei… Mentre il buio avvolge la realtà, Janie dovrà affrontare i suoi incubi.



Wake mi ha affascinato sin dalla prima volta che l'ho visto in libreria,quando non ho potuto far altro che comprarlo.E per una volta non l'ho preso solo per la copertina(che è comunque azzeccatissima)ma per la trama.Non sembra fantastica,diversa,originale?Ecco è questo il punto,sembra,ma il libro in sè non è niente di tutto questo.Infatti Wake si è rivelato un enorme delusione.
Il mondo onirico mi ha sempre incuriosito e appena ho scoperto questo romanzo non ho esitato ad acquistarlo,pensando che non potesse assolutamente mancare nella mai libreria,tanto che ho preso anche il seguito,da stupida che sono.E ora mi toccherà leggere anche quello.
La storia non è affatto male,ma c'è da dire che l'autrice aveva tantissimo materiale sul quale lavorare,essendo il campo completamente inesplorato,che però non ha sfruttato minimamente.La narrazione a forma di diario/lista della spesa non mi è piaciuta per niente,una perenne cronaca degli avvenimenti che provocano sbadigli su sbadigli:
ore 14:32 Janie fa questo,ore 16:12 Janie fa quello,ma insomma!I libri scritti come un diario non mi sono mai dispiaciuti,anzi sono quelli in cui riesco a mantenere maggiormente l'attenzione,ma questo va ben oltre il limite di noia sopportabile!
In più,oltre ad essere strutturato male,lo stile dell'autrice è troppo freddo e distaccato.
Vivi tutta la vicenda come se stessi guardando un film,da semplice spettatore,non riesci a immedesimarti nei personaggi,nè a capire il loro punto di vista,ho già dimenticato la maggior parte dei loro nomi.
E questo per non parlare del finale.Ho finito il libro e mi sono ritrovata a pensare Tutto qui?
Proprio quando tutta la faccenda comincia ad ingranare e a dare un vago senso alla storia,improvvisamente finisce,senza che te ne renda nemmeno conto il romanzo si conclude e tu non hai ancora capito dove vuole andare a parare. 
E' vero che è una trilogia,però mi sarebbe piaciuto leggere qualcosa di più consistente,sensato,non una specie di prologo allungato che serve solo ad incuriosire il lettore spingendolo a comprare il seguito. In definitiva Wake si è dimostrata una lettura per niente piacevole e molto deludente,leggerò il secondo libro solo perché ormai l'ho comprato,sperando che si riprenda almeno un pò.


2 stelline!

3 commenti

  1. Ma nuuuuuuu anche a me ispirava ma dopo questa recensione starò alla larga! xD

    RispondiElimina
  2. Era in wishlist ma la tua recensione me l'ha fatto depennare! Certo non mi aspettavo alta letteratura ma proprio per la trama differente da ciò che ci propinano oramai speravo in qualcosa di accattivante! Poi penso, a prescindere dai gusti, che se un libro è sotto forma di diario non può avere uno stile freddo e distaccato! Vabbè grazie per la recensione e la dritta :)

    RispondiElimina
  3. Ohh! Anche io l'ho letto, anche se la cosa non mi entusiasmava già molto. Ero semplicemente accorto di libri e... BAM!
    Pagina dopo pagina mi sentivo sempre più abbattuta dallo stile dell McMann. I periodi erano brevissimi, e come hai già detto non si faceva altro che descrivere dettagliatamente la giornata tipo della protagonista (di cui non avrei nemmeno più ricordato il nome se non l'avessi letto nella tua recensione xD)
    Tra l'altro non mi è ancora chiaro che tipo di super potere sia il suo o.o
    In poche parole ''delusione'' è anche abbastanza riduttivo come termine.. avrei definito diversamente la cosa, ma lascio stare!
    Fortuna che si trattava di sole poche pagine, altrimenti avrei rischiato di aver acquistato un libro che non avrei nemmeno terminato.
    In conclusione, quello che volevo specificare è che concordo pienamente sulla recensione (ed era ora. Incominciavo a sentirmi quella sbagliata, vedendo che in molti ne parlavano anche troppo bene!!)

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)