Recensione Don't You Forget About Me Kate Karyus Quinn

Buongiorno, lettori!Come vi avevo anticipato ieri, ecco la recensione di Don't You Forget About Me, un libro stupendo che ho adorato proprio come Another Little Piece!
Si tratta di un libro difficile da descrivere, è diverso da qualsiasi altra cosa abbia letto finora e vi premetto che non è una lettura adatta a tutti. Dovete iniziarlo con una mente aperta e cercare di accettare la storia cosi com'è, e se non vi piacciono i libri che confondono e in cui si è all'oscuro per buona parte della storia, Don't You Forget About Me non è decisamente la lettura per voi.


(Don't You) Forget About Me


Titolo: (Don't You) Forget About Me
Autore: Kate Karyus Quinn
Editore: Harper Teen
Pagine: 336
Data di uscita (USA): 10 giugno 2014
Trama: 
 Benvenuti a Gardnerville. Un posto dove nessuno si ammala. E nessuno muore.Ogni quarto anno, lo strano potere che alimenta la città riscuote il suo prezzo infettando gli adolescenti con impulsi mortali.
In un anno normale, in Gardnerville, gli adolescenti possono smettere di parlare con i propri amici. In un quarto anno, li uccidono.
Quattro anni fa, la sorella di Skylar, Piper, è stata rinchiusa dopo aver condotto sedici dei suoi compagni alla tomba. Da allora, Skylar ha vissuto in modo confuso, lottando contro il passato e il dolore di aver perso sua sorella.
Ma i segreti e i ricordi che Piper si è lasciata dietro continuano a tentare Skylar-sussurrando che l'unico modo di riavere sua sorella è fermare il ciclo di uccisioni di Gardner una volta per tutti.

Ho incontrato per la prima volta la scrittura della Quinn l'estate scorsa, quando ho letto Another Little Piece rimanendone completamente ipnotizzata.
La Quinn aveva debuttato con un libro che avevo descritto come"terrificante e meraviglioso", un libro cosi unico, cosi diverso, cosi particolare che era entrato nella mia lista di preferiti senza un attimo di esitazione.

E Don't You Forget About Me è un degno successore ad Another Little Piece. Con questo romanzo, sempre autoconclusivo proprio come il primo, la Quinn ha superato se stessa.
Terrificante e meraviglioso sono termini che ancora una volta si applicano perfettamente a ciò che l'autrice è riuscita a creare. Ma rispetto ad Another Little Piece, vi ho trovato qualcosa in più. L'ho trovato ancora più unico, ancora più diverso, ancora più particolare. Più inclassificabile.


Gardnerville è una piccola cittadina americana che molti chiamerebbero paradiso terrestre. Un posto dove le malattie non esistono, dove si vive cento anni, se non di più. Un posto dove il terreno è sempre fertile, dove non manca mai niente, dove la tecnologia si è fermata a semplici telefonini e dove internet è quasi un mito. Felicità, pace e tranquillità sembrano regnare a Gardnerville...almeno all'apparenza. C'è un prezzo da pagare per vivere in paradiso. E questo Skylar lo sa bene. 
Sua sorella è stata vittima della pazzia che colpisce quasi tutti gli adolescenti di Gardnerville ogni quattro anni. Un tipo di pazzia che ti fa diventare un mostro, e dalla quale non ti liberi mai più.

E' divertente-non ricordo nemmeno da cosa mi sto nascondendo; tutto ciò che so e che non voglio sapere.

Sin da quando ha perso sua sorella, Sky sta cercando di dimenticare. Sta cercando di dimenticare cosi disperatamente che ormai vive in una nebbia confusa, a volte incapace di ricordare perfino il suo nome. Ogni giorno, tutto ciò a cui riesce a pensare è il modo in cui procurarsi la prossima pillola viola, la prossima non-ti-scordar-di-me, che le garantisce l'oblio.
Ma un altro quarto anno si sta avvicinando, e la pazzia si sta lentamente impadronendo dei ragazzi della città, e forse anche di Sky. Improvvisamente i frammenti di memoria che Sky vuole cosi tanto lasciar andare-ricordi di sua sorella, ricordi di una vita senza pillole a scandire le giornate-si abbattono nella sua mente sempre più vividi, sempre più difficili da dimenticare.
twitterMa cosa è davvero successo e cosa deriva dalla sua immaginazione?Cosa è realtà e cosa è pazzia?Perdere se stessa per Sky è stato semplice..ma ritrovarsi non lo sarà affatto.

Leggere questo libro è stato strano e bellissimo allo stesso tempo. E' stato un po' come fare un puzzle. Un po' come cercare di ricostruire i pezzi di un sogno ormai dimenticato. Sono solo immagini confuse e frammentate quelle che hai a disposizione, e non sai nemmeno quanto di ciò che hai è realtà e quanto è semplice frutto della tua immaginazione. Una volta iniziato, non è stato difficile immedesimarmi nella protagonista, perché mi sentivo esattamente come lei. Confusa, persa, spaesata. Sono stata catapultata nel bel mezzo della storia, nel bel mezzo di Gardnerville, nel bel mezzo della vita spezzettata di Skylar...e non avevo idea di ciò che stava accadendo. E stranamente non mi importava.
La curiosità, o forse bisogno, di scoprire cosa si celava dentro la mente di Sky era fin troppo forte per smettere di leggere anche solo per un minuto. Perché Don't You Forget About Me è un libro che fa esattamente ciò che il titolo promette. Perché è un libro che gioca con la tua mente sin dalla prima pagina, che ti confonde, che ti affascina e ti ipnotizza e diventa indimenticabile una volta finito. 


Bellissime le canzoni anni '80 che accompagnano i diversi capitoli. Mi sono ritrovata a canticchiare un po' per tutto il libro, e ogni volta sono rimasta sorpresa da quanto azzeccata fosse ogni canzone. Perfetta poi quella più importante, Don't You Forget About Me, che incarna la vera anima del libro.


28 commenti

  1. Ho questo libro in WL da un pò, ma dopo aver letto la tua recensione credo che avrà la precedenza sugli altri :D
    Sembra molto interessante, non vedo l'ora di leggerlo *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso proprio che ti piacerebbe Giulia ;)

      Elimina
  2. Sembra bellissimo. Che belle le immagine della recensione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ho trovate per caso ma mi sembravano perfette per il libro *__*

      Elimina
  3. Non lo conoscevo questo libro, o meglio avevo visto la cover e non mi ero interessata alla trama, ma a quanto pare ho sbagliato! Dopo la tua recensione mi ispira moltissimo questo libro e mi sa' proprio che lo inserirò in WL :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cover sinceramente non mi entusiasma, se non fosse stato della Quinn probabilmente nemmeno io gli avrei dato una seconda occhiata xD

      Elimina
  4. Non conoscevo questo libro ma, maaamma mia, devo aveeerlo *-*
    Lo aggiungo alla mia Wishlisti v.v

    RispondiElimina
  5. bellissimo..*_*..mi inscriosisce molto!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già la storia è troppo interessante **

      Elimina
  6. 5 uccellini = AMAZING = devo leggerlo.
    Credo di averti già detto di voler leggere i libri della Quinn, ma ora è diventato certo e definitivo.
    Non ho letto la recensione perchè voglio leggerlo a mente aperta come hai scritto nell'introduzione c: so che non fai spoiler, ma voglio prenderti alla letterissima! :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si fai bene!Nemmeno io ho letto recensioni prima di leggerlo, tanto sapevo già che l'avrei amato e non volevo nessun tipo di anticipazione xD Spero ti piaccia :D

      Elimina
  7. wow *-* adesso che ho iniziato a leggere in lingua, la mia wl aumenterà ancora di più!
    Ho davvero bisogno di un libro diverso, particolare e credo proprio che questo sia perfetto ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si una volta che inizi la WL si allunga a dismisura, troppi libri interessanti, poi le cover di quelli in lingua sono tutte magnifiche **

      Elimina
  8. La trama è intrigante e la tua recensione come al solito mi ha incuriosita ;D (e la cosa ancora più fantastica è che stiamo parlando di un autoconclusivo!) Anche questo titolo si andrà ad aggiungere ai suoi compari nella mia chilometrica wishlist XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai gli autoconclusivi sono rari e quei pochi che ci sono sono anche fatti male, ma quelli della Quinn sono stupendi **

      Elimina
  9. Juliette mi fai scoprire sempre libri interessanti! Metto questo e anche Another LittlePiece in WL! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi assolutamente leggerli, Nym!!

      Elimina
  10. Già mi ispirava tantissimo prima, dopo aver letto la tua recensione poi, ancora di più!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si la trama è troppo interessante **

      Elimina
  11. Inserito in WL! Con questa recensione mi hai un po' ricordato Chi è Mara Dyer, della Hodkin, che pure veniva presentato come un viaggio all'interno della mente della protagonista, dove c'è sempre un frammento che manca, mentre non sai mai se ciò che lei vede, ricorda, vive e racconta sia realtà o immaginazione, frutto della sua mente non proprio sana. Solo che Chi è Mara Dyer mi aveva abbastanza deluso.. Ma da quello che hai scritto e dalla trama, per il resto Don't you forget about me è completamente diverso. :)
    p.s.: meravigliosa la canzone! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che scrivendo la recensione stavo per nominare proprio Mara Dyer?Come letture sono abbastanza simili, soprattutto per quanto riguarda The Evolution of Mara Dyer!Il primo volume aveva deluso anche me, il secondo non tanto, vedremo con il terzo!
      In ogni caso Don't You Forget About Me è infinitamente superiore alla serie della Hodkin!

      Elimina
  12. Inquietante ed intrigante. Dritto in wishlist :D

    RispondiElimina
  13. Se devo essere sincera, non ho ben capito la meccanica della pazzia... la pillola viola protegge?
    Sembra interessante però :)

    RispondiElimina
  14. Questa review me l'ero proprio persa :3 sembra davvero strana e affascinante la trama °-° mi ipnotizza quasi! Di sicurò se Another little piece - che mi attende nella TBR - mi piacerà, leggerò anche questo *__*

    RispondiElimina
  15. Juliette, sei straordinaria! Mi fai conoscere ogni giorno libri meravigliosi ed intriganti! Aggiungo immediatamente i due titoli alla mia wishlist!
    Non conoscevo l'autrice e non avevo mai sentito parlare di questo romanzo (nè del precedente), grazie per questa recensione!

    RispondiElimina
  16. mi sa che questo devo proprio leggerlo!!! :)

    RispondiElimina
  17. Ottima recensione! "Don't forget about me" non solo ha una cover che è a dir poco stupenda ma una storia che da quello che hai scritto sono certa che mi catturerà dalla prima pagina ... un nuovo libro aggiunto ai Must read del 2015 xD :)

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)