Il mio parere su "Ti ho trovato tra le stelle" di Francesca Zappia




Eliza Mirk è un’adolescente che all’inizio del libro odia il mondo reale e preferisce rifugiarsi nel mondo di internet, dove grazie alla comunità incentrata sul suo web comic, ha trovato persone che la comprendono e che può considerare a tutti gli effetti amici. 
L’incontro con Wallace, un ragazzo appena arrivato a scuola, le fa capire che anche la vita al di fuori della sua camera vale la pena di essere vissuta. 


Questo libro è ad essere sincera un po’ più dark di quello che mi aspettavo, e mi è piaciuto proprio per questo. Non è la semplice storia di una ragazza con talento che trova la sua strada tramite internet. Ti ho trovato tra le stelle parla di una ragazza che soffre di ansia, che fa fatica a relazionarsi con gli altri e che riesce ad essere se stessa solo online. Questi elementi danno al libro una nota più profonda ed emozionante. 

“I'm so tired. I'm tired of anxiety that twists my stomach so hard I can't move the rest of my body. Tired of constant vigilance. Tired of wanting to do something about myself, but always taking easy way out.”

Ci sono diverse cose che mi hanno fatto adorare Ti ho trovato tra le stelle. 
Prima di tutto il libro affronta molto bene il tema della vita online/offline e di come influenzi soprattutto gli adolescenti. La Zappia non pone sotto cattiva luce il mondo di internet, ma al contrario mostra come attraverso questo si trova un posto che permette di esplorare il mondo, di trovare amici, di coltivare le proprie passioni e di sentirsi parte di una comunità pur avendo una barriere che fa sentire sicuri e protetti. Allo stesso tempo però viene sottolineato come i forum, le comunità online, non possano diventare una via di fuga dalla realtà da cui non uscire mai. 

“The things you care most about are the ones that leave the biggest holes.”

Altro tema affrontato nel libro è quello della relazione che si instaura tra fan base e creatore di contenuti (che siano storie, disegni o altro). Credo che la Zappia abbia dipinto molto bene come un artista si sente nei confronti dei suoi fan. Quando Eliza inizia a diventare sempre più popolare, i fan cominciano a nutrire aspettative che lei vuole soddisfare a tutti i costi, anche se questo significa che la sua passione finisce per diventare un obbligo. 

Creating art is a lonely task, which is why we introverts revel in it, but when we have fans looming over us, it becomes loneliness of a different sort. We become caged animals watched by zoo-goers, expected to perform lest the crowd grow bored or angry. It’s not always bad. Sometimes we do well, and the cage feels more like a pedestal.

Credo che Ti ho trovato tra le stelle sia un libro estremamente interessante sotto tanti punti di vista. Affronta argomenti attuali in modo sincero e diretto, e inoltre ogni lettore riesce a immedesimarsi almeno in parte con Eliza e quello che sta passando. Estremamente consigliato!

P.S. Se avete amato questo libro vi consiglio di dare una possibilità anche a Made You Up, titolo meno conosciuto di quest'autrice!Qui la mia recensione ^^

4 commenti

  1. HO AMATO AMATO AMATO QUESTO LIBRO!!! Mi sarebbe tanto piaciuto leggere Made you up prima di questo, ma c'è solo in inglese e io piangooooo :((((((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Chiara lo stile della Zappia è davvero semplicissimo, se hai già letto qualcosa in lingua in passato con questo non dovresti avere problemi ^^

      Elimina
  2. Mi è piaciuto questo libro, ci sono cose che ho apprezzato un po' meno di altre, ma nel complesso è stata una bella lettura! Potrei davvero dare un'opportunità a Made You Up appena potrò! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pensiamo uguale!Si Made You Up è proprio carino ^^

      Elimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)

Featured Slider