Recensione City of Heavenly Fire Cassandra Clare

Buongiorno, lettori!Ieri l'acquazzone che ha colpito la mia città ha portato via anche la corrente, e non ho avuto internet per tutta la giornata. In compenso ho avuto tanto tempo libero e ho passato il pomeriggio a scrivere la recensione di City of Heavenly Fire. Sinceramente non pensavo sarei stata in grado di scriverla, ma non so come alla fine ce l'ho fatta, e spero di esser riuscita a trasmettervi tutto ciò che questa serie mi ha regalato negli ultimi anni.
La review è completamente spoiler-free, e in realtà ho deciso di non parlare affatto né della trama né dei personaggi nello specifico, un po' perché ne sarebbero uscite almeno tre pagine di recensione, un po' perché COHF è uno di quei libri che si devono scoprire pagina per pagina, senza nessuna anticipazione :)


City of Heavenly Fire (The Mortal Instruments, #6)

Titolo: City of Heavenly Fire
Autore: Cassandra Clare
Editore: Margaret K. McElderry
Pagine: 725
Data di uscita (USA): 27 maggio 2014
Trama:
Nella tanto attesa conclusione dell'acclamata Mortal Instruments Series, Clary e i suoi amici devono combattere il più grande male mai da loro affrontato: il fratello di Clary.Sebastian Morgenstern si sta muovendo, mettendo sistematicamente Shadowhuters contro Shadowhunters. Stringendo la Coppa Ingernale, trasforma gli Shadowhunters in creature da incubo, lacerando famiglie e amori a mano a mano che il suo esercito di Endarkened avanza.Gli assediati Shadowhunters si ritirano a Idrisi-ma neanche le famose torri demoniache di Alicante sono in grado di tenere Sebastian a bada. E con i Nephlim intrappolati a Idris, chi proteggerà il mondo dai demoni?Quando uno dei più grandi tradimenti mai accaduti ai Nephlim verrà rivelato, Clary, Jace, Isabelle, Simon e Alec dovranno fuggire-anche se questo viaggio li porterà nel reame dei demoni, lì dove nessuno Shadowhunter è mai stato prima, e dal cui nessun umano è mai tornato...



Negli ultimi mesi ho avuto la fortuna di incontrare tante letture meravigliose, eppure era da tempo che non leggevo qualcosa come City of Heavenly Fire. Era da tempo che non divoravo un libro non per mancanza di altri impegni, ma perché dovevo assolutamente continuarlo, da tempo che non cercavo di trovare anche un solo minuto per leggere e mi ritrovavo a star sveglia fino alle 3 di notte per arrivare all'ultima pagina. Era da tempo che una storia non mi trasportava in un'altro mondo, facendomi dimenticare completamente tutto il resto. E sono libri come questo che mi ricordano perché leggo, perché amo leggere più di ogni altra cosa.

Perché il mondo non è diviso in speciali e ordinari. Tutti hanno il potenziale di essere straordinari. Finché hai un'anima e una volontà, puoi essere qualsiasi cosa, fare qualsiasi cosa, scegliere qualsiasi cosa.

Mi sembra passata una vita da quando ho letto il primo volume di The Mortal Instruments. Ricordo ancora come Città di Ossa mi colpì sin dall'inizio, come entrò a far parte delle mie serie preferite nonostante non lo avessi amato completamente. Ricordo come mi sia innamorata lentamente della storia di Clary e Jace e poi di quella di Tessa, di come il mondo degli Shadowhunters mi sia entrato silenzioso nel cuore, di come ci sia rimasto.

In realtà, sono passati solo due anni dal mio primo incontro con gli Shadowhunters, eppure a volte ho l'impressione di conoscere il loro mondo da sempre. Questa serie mi ha dato tanto. Durante la lettura ho riso insieme ai personaggi, ho sofferto con loro, ho odiato e amato e ho pianto e alla fine di ogni libro sono stata malissimo, e se potessi rifarei tutto da capo. Ed è ciò che amo della Clare. I suoi libri ti distruggono, eppure in qualche modo non puoi fare a meno di voler leggerne ancora e ancora. 

Siamo tutti frammenti di ciò che ricordiamo. Tratteniamo in noi le speranze e le paura di chi ci ama. Fin quando c'è amore e ricordo, non c'è nessuna perdita reale.

E' sempre difficile dover dire addio a una serie che ti ha accompagnato per tanto tempo, ma come spesso accade con storie cosi uniche e speciali, non si tratta mai di un vero addio, perché tutti quei personaggi che hai amato cosi tanto continuano a vivere nella tua mente e nel tuo cuore, e sono sicura che è ciò che accadrà con questa saga.

P E R F E C TInsieme alla storia, anche la Clare si è evoluta cosi tanto nel corso della serie. In questo libro non ritroviamo più la Clare di City of Bones, ma una scrittrice che sa dar vita alle parole, rendendole reali, tangibili, magiche. 
City of Heavenly Fire è tutto ciò in cui avevo sperato, e forse anche di più. E' un libro di adii si, ma è anche un libro che apre nuove porte, sia nel passato che nel futuro. E' un libro che ricollega e riunisce in sé tutti i volumi precedenti, in una conclusione che mi sembra anche poco definire perfetta.
E' una storia di Shadowhunters, di creature magiche, di demoni, ma è soprattutto una storia di amicizia, famiglia, dolore, perdita, lealtà, redenzione e molto altro. 

Ci sarà sempre qualcuno che vorrà dirti chi sei basandosi sul tuo nome o sul sangue nelle tue vene. Non lasciare che le altre persone decidano chi sei. Decidi per te stesso.

Non penso riuscirò mai a esprimere a parole tutto ciò che questa serie abbia significato per me, tutto ciò che mi abbia dato durante questi anni e tutto ciò che sono sicura mi darà con le prossime saghe.
E non posso far altro che dire grazie Cassandra Clare. Grazie per averci regalato una serie meravigliosa, grazie per tutto quello che ci hai trasmesso con le tue parole. Grazie per aver trasformato another story of Lightwoods and Herondales, and Fairchilds in molto più di una semplice storia.



Book Trailer


14 commenti

  1. Anch'io l'ho letto ma aspetto il libro italiano per fare una recensione perché adesso sono troppo devastata per mettere ordine ai miei pensieri! ç-ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah anch'io ho aspettato un po', appena l'ho finito ero in uno stato pietoso xD

      Elimina
  2. Che libro magnifico!! ç___ç spero non rovinino alcune frasi bellissime con una traduzione forse troppo affrettata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello che temo anch'io!Speriamo bene!

      Elimina
  3. Bellissima recensione. Anch'io ho amato questa saga e in parte mi dispiace salutare tutti i suoi personaggi, ma la Clare non poteva scrivere un finale più perfetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Beba :) Concordo, ci ha dato esattamente ciò di cui avevamo bisogno!

      Elimina
  4. Bellissima recensione T__T !! Ho amato City of Heavenly Fire, ogni singola pagina ... e credo che sia stata la migliore conclusione di una serie che abbia mai letto! (a parte Clockwork Princess ... eheheh!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già COHF e CP2 sono state sicuramente alcune delle migliori conclusioni di serie, magnifiche **

      Elimina
  5. Ciao! Bel post! Volevo dirti che dopo molto tempo sono riuscita finalmente a pubblicare sul blog... Passa a dare un'occhiata se ti va!

    RispondiElimina
  6. Devo dire che io sono rimasta soddisfatta del libro,pensavo che sarei impazzita dopo che la Clare disse che ci sarebbero stati 6 morti...almeno per i miei personaggi preferiti è andato tutto bene in fondo xD.
    Alla fine mi stavo mettendo a piangere per Simon :/ uff...Le scene Clace erano davvero bellissime aw.
    Inutile dire che io mi sono innamorata di Julian ed Emma,non me ne frega se non potranno stare insieme.Io li shippo troppo.
    Ora voglio The Dark Artifices,questo è uno di quei momenti in cui vorrei viaggiare nel futuro e avere il libro nelle mie mani :3

    RispondiElimina
  7. Ho amato questo libro, ogni singola pagina! La Clare non poteva creare una storia migliore della saga di Shadowhunters!
    Complimenti per la recensione, condivido ogni tua singola parola!

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)