Mini-recensione: The DUFF Kodi Keplinger

Buongiorno, lettori!Oggi volevo proporvi una recensione, e visto che non sono decisamente pronta a scriverne già una di City of Heavenly Fire, sono andata a scavare tra le letture non recensite e ho trovato un libro stupendo letto qualche estate fa: The DUFF di Kodi Keplinger. 
Ho adorato The DUFF sin dalla prima pagina, mi ha fatto ridere e commuovere allo stesso tempo, e non riesco ancora a credere che l'autrice ha scritto il libro a soli 17 anni!
In più presto The DUFF diventerà un film (seppur con qualche cambiamento nella trama) e le riprese inizieranno quest'estate!





Titolo: The DUFF
Autore: Kodi Keplinger
Editore: Little Brown/Poppy
Trama:
La diciassettenne Bianca Piper è cinica e leale, e non pensa nemmeno lontanamente di essere la più bella delle sue amiche. È anche troppo intelligente per innamorarsi del fascino dello sciupa femmine e del viscido belloccio Wesley Rush. Infatti, Bianca lo odia. E quando lui le da il soprannome di “The Duff,” gli lancia la sua coca-cola in faccia.
Ma le cose non vanno bene a casa, e Bianca, cercando disperatamente una distrazione, finisce col baciare Wesley. E ciò che è peggio è che le è piaciuto. Determinata a scappare dai suoi problemi, Bianca inizia una relazione segreta con Wesley.
Fin quando non va tutto orribilmente storto. A quanto pare Wesley non è poi un cosi cattivo ascoltatore, e anche la sua vita è abbastanza incasinata. Improvvisamente Bianca realizza con orrore che si sta innamorando del ragazzo che pensava di odiare più di chiunque altro.



The Duff si è rivelata una lettura molto più interessante di quanto mi aspettassi. La trama non mi convinceva pienamente all'inizio, ma non facevo altro che sentire recensioni positive sui libri della Keplinger e alla fine mi sono decisa a leggerne uno. E non mi sono pentita affatto di aver dato a quest'autrice una possibilità.

The Duff. Designated. Ugly. Fat. Friend. (Amica. Designata. Brutta. Grassa.). E' ciò che Bianca, a detta di Wesley Rush, è. Quella ragazza bruttina e leggermente grassa che, in un gruppo di amiche meravigliose, sta sempre in disparte?Quella ragazza che non viene mai notata da nessuno e che guarda le amiche divertirsi da lontano?Ebbene quella è la Duff.
Bianca si è sempre considerata una ragazza normale. Ma quando incontra Wesley, che le introduce il termine Duff, Bianca inizia a chiedersi quale sia il suo ruolo all'interno del suo gruppo, e se è davvero il tipo di ragazza che descrive Wesley.Ma questo non è il suo unico problema. Bianca deve anche affrontare problemi in famiglia, primo fra tutti il divorzio dei suoi genitori.
Tutto ciò che Bianca vuole è non pensare per un po'. Scappare dai suoi problemi. Trovare una distrazione. E questa distrazione la trova in Wesley, lo stesso ragazzo che l'ha presa in giro denominandola Duff.

Shut OutNon importa dove vai o cosa fai per distrarti, alla fine la realtà riesce sempre a raggiungerti.

Il tema di DUFF, che sembrava essere quello principale del libro, è invece solo ciò che fa da base all'intera trama. The DUFF è molto più di un libro su una ragazza brutta e grassa. 
La storia infatti affronta tutti i problemi reali degli adolescenti, dalle insicurezze che affiorano a quest'età, all'amicizia e all'amore, al ruolo che la famiglia gioca nella vita di un teenager, e li affronta senza freni, in modo diretto, fresco, ironico, ma soprattutto realistico.

A Midsummer's NightmareL'autrice è infatti riuscita a dare al libro quel senso di autenticità che manca in molti altri Young Adults e a rendere Bianca un personaggio in cui tutti noi, adolescenti e non, ci rivediamo. 

Insomma, chi non si è mai sentito un po' un DUFF?Non all'altezza del proprio gruppo di amici, che tutti si aspettano sistemi i guai combinati dagli altri, che diventa un po' una ruota di scorta.
Ma il messaggio che il libro, e la Koplinger, trasmette è proprio che, per quanto sia okay a volte sentirci cosi, non dobbiamo permettere a un semplice aggettivo di influenzarci, di entrare nella nostra vita, di definire chi siamo. 

Ero the Duff. Ed era una cosa buona. Perché chiunque non si senta come the Duff non ha amici. Ogni ragazza non si sente attraente qualche volta. Dovrei essere orgogliosa di essere the Duff. Orgogliosa di avere grandi amici che, nelle loro menti, sono le mie Duffs.




16 commenti

  1. L'ho letto giusto qualche settimana fa e mi è piaciuto davvero tanto :3
    Fresco, tagliente, davvero una sorpresa :)
    Sono passata dal snobbarlo a voler leggere tutti gli altri libri dell'autrice XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io voglio leggere gli altri libri dell'autrice!Mi ispirano troppo *__*

      Elimina
  2. La trama sembra molto interessante e la tua recensione mi ha fatto venire voglia di leggerlo subito! grazie per avermelo fatto scoprire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati :) E' davvero un bel libro *__*

      Elimina
  3. Ciao! Sono una nuova follower :)
    Ho sentito solo parlare bene di questo libro, e mi tenta tantissimo... ma ho una sacco di arretrati!
    Comunque se ti va passa da me che ho appena aperto un blog: http://bookaholicstime.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tessa, benvenuta =) Passo subito da te ;)

      Elimina
  4. Sembra interessante, non si sa niente di una possibile traduzione Juliette?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non so niente :/ Però può darsi che lo traducano con l'uscita del film!

      Elimina
  5. Sembra una di quelle letture carine e leggere, ma in qualche profonde che ogni tanto ci vogliono :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già diciamo che è una lettura perfetta per questo periodo, diverte ma ti fa anche riflettere =)

      Elimina
  6. Mi hai incuriosito *-* sembra interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che ti piacerebbe, Giusy ;)

      Elimina
  7. Duff significa amica? O.o Mi sento molto ignorante :P L'insegnamento è meraviglioso...soprattutto in una società dove le persone etichettano gli altri per un nonnulla ^^ Se non sono molte pagine anche questo libro potrei leggerlo in lingua...

    RispondiElimina
  8. Mi sembra non siano nemmeno 300 pagine, Francy!Poi come scrittura è molto semplice e di facile comprensione ;)

    RispondiElimina
  9. Sembra davvero carino, magari me lo tengo da parte per l'estate :)

    RispondiElimina
  10. ciao,scusa ma ho una domanda : Kody Keplinger,ha scritto il libro a 17 oppure a 19 anni?

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)