Il giardino delle farfalle Dot Hutchison - Recensione



«Noi lo chiamiamo il Giardiniere», disse in tono secco. «Appropriato, no?».
«Cos’è questo posto?»
«Benvenuta nel Giardino delle farfalle»

Ho conosciuto Dot Hutchison grazie alla sua rivisitazione Young Adult di Amleto, A Wounded Name. Mi sono subito innamorata della sua scrittura, ed ero decisa a leggere tutti i suoi altri romanzi. 
Ero abbastanza sorpresa quando ho scoperto che avrebbe pubblicato una serie di thriller, ma devo dire che questo primo volume non mi ha affatto delusa. 
Il giardino delle farfalle è un thriller estremamente dark e coinvolgente. Non si può fare a meno di rimanere affascinati dalla storia di Maya e delle altre Farfalle sin dalla prima pagina.

Qual'è la trama in breve?Un serial killer rapisce da anni giovani ragazze per rinchiuderle nel suo "Giardino" e marchiarle come sue Farfalle, privandole della loro identità. Quando le ragazze vengono liberate, gli agenti in carica del caso cercano di scoprire cos'è successo nel Giardino interrogando Maya, una delle Farfalle.

Il libro viene quindi narrato tramite un incrocio di punti di vista. Vediamo alternarsi il racconto della permanenza nel Giardino, in prima persona della protagonista, al colloquio che la stessa protagonista ha con due agenti in seguito alla liberazione dalla prigionia.
Ho apprezzato molto questa scelta perché cosi facendo l'autrice ha rivelato ciò che è successo nel Giardino in modo graduale, senza sovraccaricare il lettore di informazioni. Inoltre in questo modo ogni segreto rivelato da Maya durante l'interrogatorio risulta essere ancora più sconvolgente.

Eravamo Farfalle e le nostre brevi vite sarebbero terminate nel vetro.

Nonostante la natura della storia il libro non è troppo "grafico". Le scene peggiori vengono lasciate all'immaginazione del lettore, mentre l'autrice si concentra piuttosto sulle conseguenze, fisiche e mentali, che i continui abusi hanno sulle ragazze. 
Un altro aspetto su cui la Hutchison si è particolarmente soffermata è il rapporto che si viene a creare fra le Farfalle. Sono ragazze tutte molto diverse fra loro, ma nel corso della loro prigionia diventano come sorelle: si proteggono a vicenda e molte di loro sopravvivono proprio grazie al supporto delle altre.

L'unica cosa che non mi ha convinto del tutto è stato il colpo di scena finale. Mi chiedo se fosse davvero necessario introdurre un altro twist nella storia, e se il collegamento fatto dall'autrice abbia senso.
A parte questo dettaglio (che è la ragione per cui non do cinque stelline piene al libro), non posso che consigliare The Butterfly Garden a chiunque sia alla ricerca di un thriller forte e coinvolgente. La storia di Maya e delle altre Farfalle non vi lascerà indifferenti.


Difficoltà in lingua: medio-bassa.

8 commenti

  1. Ciao! :) Non ho mai letto nulla di questa autrice, ma devo assolutamente rimediare! Mi ispira sia la rivisitazione di Amleto che questo thriller, e la tua recensione mi ha incuriosito ancora di più, soprattutto per quello che scrivi dello stile.
    Quest'estate avevo in programma di sfoltire tbr e wish list, ma continuo ad aggiungere titoli su titoli!!! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ne ho aggiunti tantissimi ultimamente xD Si ti consiglio assolutamente di provare a leggerne uno!

      Elimina
  2. Ciao:)
    Non ho letto la rivisitazione di Amleto, anche se ora mi hai proprio incuriosita, ma ho letto questo libro ed è piaciuto anche a me!
    Mi è piaciuto tutto, tranne il colpo di scena finale. E' stato inaspettato e mi ha proprio colto alla sprovvista, solo che non mi ha convinta del tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem, anche a me l'unica cosa che non ha convinto è stato quel colpo di scena!Senza sarebbe stato decisamente meglio!

      Elimina
  3. Ne ho sentito molto parlare in questi ultimi giorni e devo dire che mi incuriosisce!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piace il genere è sicuramente da leggere ^^

      Elimina
  4. mi aveva incuriosito ma poi l'idea che sia una serie mi ha frenato.. secondo te ci sta come trilogia? o col primo si poteva concludere il tutto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto ho capito le storie sono indipendenti l'una dall'altra, seppur collegate da qualche personaggio in comune!La storia del Giardino si conclude sicuramente con il primo volume ^^

      Elimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)