Mini-Review-La ragazza che leggeva nei cuori di Teri Brown

Buongiorno, lettori!Negli ultimi giorni non sto facendo altro che leggere (ho appena finito La corona di mezzanotte e l'ho trovato assolutamente magnifico) e le recensioni da scrivere non fanno che accumularsi (penso di essere arrivata a una trentina ormai D:)!Visto che non riuscirò mai a recuperare se continuo a postare una sola recensione a settimana, ho pensato di cercare di scrivere una recensione normale e una mini-recensione ogni settimana!E oggi tocca alla mini-recensione di La ragazza che leggeva nei cuori di Teri Brown!Il libro mi è piaciuto tanto e nonostante il finale non lasci niente in sospeso non vedo l'ora di leggere il seguito!


La ragazza che leggeva nei cuori


TitoloLa ragazza che leggeva nei cuori
AutoreTeri Brown
EditoreCorbaccio
Data di uscita: 9 gennaio
Pagine320
Trama:New York, anni Venti, i famosi Roaring Twenties: Anna ha sedici anni e fin da bambina aiuta la madre, una famosa medium, negli spettacoli. Ma, contrariamente a sua madre che è un’abile attrice, Anna ha veramente il dono di «sentire» le emozioni altrui e di predire il futuro. E in questo futuro vede sua madre in pericolo: le sue visioni si fanno sempre più intense e spaventose, al punto che Anna decide esplorare fino in fondo questa parte di sé che aveva sempre negato. Così, quando Cole, un ragazzo misterioso, si trasferisce in un appartamento vicino e introduce Anna a una società segreta che studia proprio persone come lei, Anna si trova costretta a confrontarsi con il suo passato e con le certezze della sua vita. Ma Anna è anche una sedicenne come tante altre, con i suoi istinti ribelli, i suoi capricci e la sua rabbia esplosiva. E, come tutte le ragazze della sua età, anche lei è alla ricerca dell’amore e dell’affermazione di se stessa. Riusciranno le sue abilità a districare la rete di intrighi in cui, suo malgrado, è caduta? E, soprattutto, la sua sensibilità sarà in grado di farle individuare qual è il suo vero destino? Riuscirà Anna l’illusionista, brava a liberarsi da quasi tutto, a liberarsi dei condizionamenti e a seguire il suo cuore?

Volevo leggere Born of Illusion da tempo, finora avevo fatto pochissime letture che trattassero tematiche simili ed ero molto curiosa di vedere come la Brown avesse sviluppato la storia. Ebbene il libro non mi ha affatto delusa. Ha una premessa originale, uno sviluppo inaspettato e per niente scontato, e una buona dose di mistero e di romance, è stato senz'altro una delle migliori letture di luglio!

Anna Van Housen lavora come illusionista insieme a sua madre, una famosa medium, ma la ragazza nasconde un segreto sin da piccola. Riesce infatti a percepire le emozioni delle persone, e a volte ha visioni confuse sul futuro. Da quando si sono trasferite a New York, i poteri di Anna sembrano essersi intensificati, e quando inizia ad avere visioni terrificanti che vedono come protagonista sua madre, Anna deve fare di tutto per scoprire da dove proviene questa minaccia e metterla in salvo prima che sia troppo tardi. 

Non importa quanto mi faccia infuriare, è sempre mia madre, e io devo proteggerla se posso.

Ciò che mi ispirava di più del libro era sicuramente l'ambientazione anni venti. Mi sono completamente innamorata di questa epoca leggendo The Diviners, e sono contenta che la Brown gli abbia dedicato molto spazio nel libro. L'atmosfera di quegli anni, mista al mondo dell'illusionismo, del paranormale e della magia, mi ha catturata sin dalla prima pagina e ha dato al libro quel tocco di originalità che ho apprezzato tantissimo.

Divisa tra il desiderio di avere una vita normale, di essere una ragazza come le altre, e quello di affermarsi come illusionista e uscire una volta per tutte dall'ombra della madre, Anna è un personaggio in cui è facile immedesimarsi. E' una ragazza semplice, buona, che cerca solo di fare le scelte giuste nel mondo di magia in cui la madre l'ha costretta a crescere, ma che adesso è ormai diventato parte di lei. 
Nel corso della storia la vediamo diventare sempre più indipendente e forte, la vediamo iniziare a distaccarsi dalla madre e a pensare per se stessa, e la vediamo anche scoprire l'amore, che però rimane secondario e a cui viene dedicata una piccola parte del romanzo. 


Che Houdini sia o non sia mio padre, che mia madre mi ami o meno, io sono comunque me stessa. Una ragazza che ama la magia. Una ragazza con strane abilità. Non sarò mai una ragazza normale. E forse, solo forse, va bene cosi.

Molto bello il finale, che per una volta non lascia niente in sospeso, tanto che il libro potrebbe anche considerarsi autoconclusivo. Leggerò sicuramente il seguito al più presto!






15 commenti

  1. Penso che darò una possibilità a Born of Illusion! Anche se The Diviners non mi era piaciuto poi molto ho apprezzato la sua ambientazione anni 20 e mi piacerebbe leggere un altro libro ambientato in quel periodo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di The Diviners l'ambientazione è stata una delle cose che ho preferito *__* Rispetto a questo Born of Illusion è molto più leggero e scorrevole comunque :)

      Elimina
  2. Mi ispira tantissimo ma a causa dei tnt arretrati è ancora nella libreria a far polvere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già anch'io l'ho fatto aspettare un bel po' prima di leggerlo xD

      Elimina
  3. Ero curiosa di leggere una recensione su questo libro. Appena uscito in Italia mi aveva attirato, ma poi non avevo più pensato di leggerlo. Potrei farci un pensierino :3 mi incuriosisce l'ambientazione e tutto il ruolo della magia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io l'avevo adocchiato da un po', ma mi sono decisa solo ora a leggerlo xD Comunque l'ambientazione è davvero stupenda *__*

      Elimina
  4. E' un altro dei libri che sta in wishlist a far polvere :/ L'ambientazione anni venti non è esattamente la mia preferita ever ma voglio vedere com'è! *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non ha mai incuriosito più di tanto come epoca, dopo aver letto The Diviners però me ne sono innamorata *__*

      Elimina
  5. Bella recensione! Sì sì, sono sempre più convinta a volerlo leggere, prima o poi uscirà dalla wishlist e finirà in tbr list ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sii poi fammi sapere cosa ne pensi ;)

      Elimina
  6. Che bello, anche a me piacciono glia anni 20 *__*
    Sembra carino, lo tengo in WL sicuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piace l'ambientazione non ti deluderà laura ;)

      Elimina
  7. Ero curiosa di leggere un'opinione su questo libro, mi attirava ma non sapevo se fisarmi.... grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo consiglio Sara, soprattutto se vuoi una lettura originale ma non troppo pesante =)

      Elimina
  8. Mi hai fatto scoprire quello che potrebbe diventare uno dei miei romani preferiti! *^*
    Devo correre in libreria, grazie!!

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)