Recensione Vanish. La Traditrice di Sophie Jordan



Titolo: Vanish. La traditrice
Autore: Sophie Jordan
Editore: Piemme
Collana: Freeway
Trama:
Per salvare la vita del ragazzo che ama Jacinda ha fatto l'impensabile: ha tradito il più prezioso segreto della sua razza. Ora deve tornare sui propri per proteggere il proprio orgoglio, sapendo che potrebbe non rivedere Will mai più— e peggio ancora, che a causa dell'incantesimo di offuscamento di cui è vittima, le memorie di Will su quella fatidica notte e sul perché lei è dovuta volare via, sono scomparse. 
Una volta a casa, Jacinda viene accolta con ostilità e deve lottare per provare la propria lealtà per la propria famiglia e la propria razza. Tra i pochi che ancora le rivolgono la parola c'è Cassian, il fiero erede Draki che l'ha sempre desiderata e sua soralla, Tamra, che è cambiata per sempre a causa di un gioco del destino. Jacinda sa che dovrebbe dimenticare Will e andare avanti—che se lui ricordasse e mantenesse la sua promessa di trovarla, servirebbe solo a mettere entrambi in pericolo. Eppure si aggrappa alla speranza che un giorno saranno ancora assieme. Quando arriverà l'opportunità di seguire il proprio cuore, sarà disposta a rischiare tutto per amore?


RECENSIONE:



Firelight (qui la mia recensione) non mi aveva colpito particolarmente. Avevo riposto tante speranze in un libro che sembrava meraviglioso, ma che poi mi ha completamente deluso.

Speravo in un grosso miglioramento in Vanish, miglioramento che però non è stato esattamente come me lo aspettavo. Devo dire però che questo sequel mi è piaciuto molto di più di Firelight, soprattutto perché ho imparato a vedere e ad apprezzare la serie semplicemente per quello che è, e non per quello che dovrebbe essere.

Mi spiego. Il tema dei Draki era cosi originale e innovativo, l’autrice avrebbe potuto creare un capolavoro, eppure ha creato una storia banale con dei personaggi anonimi e per niente sviluppati. 
Cover originale
Finendo Firelight ero cosi delusa e amareggiata che ho iniziato ad odiare immediatamente la serie. Ho invece iniziato Vanish senza nessuna particolare aspettativa, e alla fine il libro si è dimostrato abbastanza piacevole e a tratti perfino emozionante!

Questo però non cambia il fatto che Vanish abbia, come Firelight, più tratti negativi che positivi, come i continui cliché del genere YA, il tanto odiato triangolo amoroso senza senso, e la classica protagonista “Mary Sue” agli occhi degli altri ma che in realtà per me non ha nulla di perfetto.
Vanish quindi mi è piaciuto molto di più di Firelight, ma questo non cambia la presenza delle tantissime lacune in una serie che aveva tantissimo potenziale.

Partiamo dai lati positivi. Primo fra tutti, l’ambientazione nel clan dei Draki. Firelight era ambientato nel mondo degli umani, ed era una cosa che non mi era piaciuta per niente.
Con questo sequel invece conosciamo meglio il mondo dei Draki, il clan di Jacinda e i suoi membri. Ovviamente l’autrice non ha perso tempo a descriverci in modo dettagliato la mitologia di queste creature e il funzionamento del clan, Jacinda che rimuginava su Will e Cassian era una cosa molto più importante di cui parlare.

Altro lato positivo è Tamra, che è sinceramente il mio personaggio preferito. In Vanish subisce un gran bel cambiamento, che la porterà a competere con Jacinda, da sempre 
elogiata e apprezzata da tutti. 
Primo volume
Finalmente Tamra esce dall’ombra di sua sorella ed inizia a essere vista diversamente dal clan, e ho molto apprezzato questo suo maggior coinvolgimento nella storia. Con Vanish ho capito che avrei preferito di gran lunga se a narrare la storia fosse stata Tamra, o meglio, se la storia fosse stata incentrata su Tamra. La serie sarebbe stata di gran lunga più interessante.

Jacinda ovviamente non mi è piaciuta per niente. E’ sempre più egoista ed egocentrica. Non riesco davvero a capire perché tutti sembrano amarla cosi tanto. Will è ossessionato da lei, Cassian è ossessionato da lei, perfino un altro personaggio in Vanish sarà ossessionato da lei!
E io mi chiedo, perché?Cassian più volte dice che lei è diversa dalle altre, ma escludendo il suo egoismo e la sua superficialità, non vedo cosa possa avere di diverso da qualsiasi altra adolescente.
                                                                                                                                   
Come ho già detto è egoista, si lamenta e piagnucola tutto il tempo su quanto le manca Will. Le piace volare, ma mi sembra una cosa più che normale considerando il fatto che ha delle ali. Escluso questo, non mi sembra poi cosi diversa.

A un certo punto Tamra chiede perfino a Cassian cosa trova di speciale in Jacinda, e questo è stato sicuramente uno dei momenti più spassosi del libro, perché effettivamente Cassian non sapeva cosa risponderle!

Anche in questa serie compare il tanto odiato, da me e da tutti penso, triangolo amoroso, che avevo già intravisto in Firelight. Il triangolo è l’elemento principale del libro, infatti in circa 300 pagine essenzialmente non accade nulla, ovvero, qualcosa di rilevante succede, ma è talmente inutile e superfluo che non riesco nemmeno a considerarlo come evento importante.
Terzo volume

Will in questo volume è fisicamente inesistente, se non per qualche sporadica comparsa, mentre è costantemente presente nei pensieri di Jacinda. Se nello scorso libro Will non mi era andato tanto a genio, in questo l’ho praticamente odiato. Non riesco a capire perché Jacinda ne sia cosi innamorata, o perché Will sia cosi innamorata di lei.

Il fatto è che l’autrice ci descrive un amore cosi forte e potente che potrebbe superare tutto, ma che non riesco a vedere nei due personaggi. Quando Will e Jacinda sono insieme sembrano solo una normale coppia di adolescenti innamorati, tra di loro non c’è quel qualcosa di magico o speciale, quel qualcosa che può rendere il loro amore unico ed eterno.

Passando al contenuto della storia, in Vanish non accade niente di che. A parte due o tre eventi abbastanza importanti, assistiamo constantemente a una Jacinda che non riesce ad andare avanti e che passa da Will e Cassian come una pallina da ping pong. Il finale lascia praticamente tutto in sospeso (anche se non è un vero e proprio cliffhanger), perché ovviamente due libri non bastano per contenere tutti questi eventi cosi importanti ed essenziali.

3 stelline per Vanish, perché innanzitutto è stato migliore di Firelight e perché tutto sommato è una lettura piacevole! Consiglio di leggerlo solo a chi ha davvero amato il primo volume. Sconsiglio la serie ha chi ha già letto molti YA, i tanti cliché e soprattutto il triangolo amoroso ve la farebbero odiare, mentre direi che è più adatta a chi si sta approcciando al genere solo adesso!

31 commenti

  1. io non ho letto i libri ....onestamente dopo questa recensione ho perso molta voglia di leggerlo .......anche a mè l'idea della storia sembrava originale ma se poi non è stata sviluppata nel migiore dei modi ....è un gran peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stessa cosa...
      un po' di tempo fa ero intenzionata a leggerli, ma...
      in tutte le recensioni ho notato che il mondo dei draki non è stato sviluppato...

      Elimina
    2. @mieleluce, eh si, è un gran peccato perché di potenziale ce ne era tantissimo!
      @Elisa, in effetti nel primo libro i draki sono quasi inesistenti, in questo c'è solo un piccolo miglioramento!

      Elimina
  2. Il primo libro mi era piaciuto, nonostante avessi notato anch'io che i personaggi non erano ben caratterizzati e nonostante il triangolo amoroso...e nonostante inizialmente abbia fatto molta fatica a digerire lo stile della scrittrice!! Quindi, se lo reputi migliore di Firelight, seppure non ti sia piaciuto molto nemmeno questo, confido in una lettura piacevole...di sicuro senza grandi aspettative!!=)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti è piaciuto Firelight ti piacerà sicuramente anche questo, anzi, forse ti piacerà anche di più del primo volume ;)

      Elimina
  3. ho sorriso leggendo la recensione, è decisamente piena di sarcasmo!!:)Ho capito il tuo punto di vista e (per ora)credo che non leggerò nè Firelight nè questo.
    Non ci possiamo lamentare che le case editrici non ci offrano libri YA/urban fantasy o fantasy..direi che è il genere che va per la maggiore..perciò preferisco dedicarmi a qualcos'altro. Ci sono romanzi degni di questo nome.
    Anche io ne ho un po' le scatole piene di triangoli e eroine tutte uguali.
    Poi, va beh, non si sa mai magari resto senza idee per una prossima lettura e le do una possibilità,chi lo sa..potrebbe pure piacermi O_o il mondo è bello perché è vario..:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si ce l'ho messa davvero tutto per eliminare ogni nota di sarcasmo dalla recensione, ma alla fine l'ho lasciata cosi :)

      Elimina
  4. nemmeno a me aveva convinto come storia sui draghi, è da tanto che cerco un libro veramente bello su queste figure leggendarie a non riesco a trovarlo. Vanish comunque l'ho trovato migliore rispetto a Firelight, le poche scene d'amore sono molto coinvolgenti, così come nel primo, e sopratutto vengono approfonditi i personaggi di Tamra, finalmente uscita dallo stereotipo e di Cassian!!! a questo punto sono curiosa di vedere dove andrà a parare con l'ultimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si anch'io sono abbastanza curiosa di vedere cosa succederà!Comunque confido molto in Seraphina. La ragazza con il cuore di drago, magari, al contrario di Firelight, questo libro con tema "draghi" riuscirà a conquistarmi ;)

      Elimina
    2. io l'ho letto e purtroppo mi ha un pò delusa proprio nelle figure dei draghi. la storia all'inzio è un pò lenta ma poi decolla. ti lascio il link della mia recensione

      http://stellenelliperuranio.blogspot.it/2012/10/recensione-seraphina-di-rachel-hartman.html

      Elimina
  5. Ciao Juliette... oggi ho pubblicato anch'io la mia recensione di Vanish e vedo che le nostre opinioni sn completamente divergenti:P A me è piaciuto molto!.. Però su una cosa concordo: anch'io l'ho apprezzato per quello che è e non per quello che dovrebbe essere. Ovvero, poteva sicuramente essere migliore, ma è uno young adult di cui bisogna apprezzare la bellezza della sua semplicità, a mio parere.
    Il triangolo amoroso lo odio anch'io però mi piace com'è strutturato qui... Cassian è il suo promesso dal primo libro, ma lei si innamora del suo cacciatore. Ha davanti a sè la scelta tra un uomo che potrebbe essere giustissimo oppure un nemico che è quello che il suo cuore ritiene giusto... L'egoismo di Jacinda io nn l'ho visto, lei ha pur sempre un carattere ribelle che emerge chiaramente sin da Firelight, quindi per definizione si oppone alle regole e fa ciò che vuole fare, è vero che mette a rischio la sua razza, ma è anche pronta a subire l'astio di tutti, conscia di meritarlo. Mo' non sto a elencare tutti i motivi per cui io amo questa serie e i suoi protagonisti, se vuoi puoi leggere le mie recensioni, cmq alla fine sono gusti:P Però credo che non sia così brutta come serie, ne ho letto davvero di peggiori....
    Bacini^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si alla fine è comunque una lettura piacevole, ma mi aspettavo davvero troppo e ne sono stata irrimediabilmente delusa!
      E si, esistono libri decisamente peggiori di questo ;)

      Elimina
  6. Sono passati parecchi mesi da quando ho letto Firelight ma, e ora mi chiedo perchè, ricordo che mi era piaciuto. Sì, avevo notato anche io che i personaggi erano parecchio superficiali e che la storia non era altro che il solito brodo con un nuovo (almeno per me) tipo di soprannaturale. Ma l'avevo apprezzato comunque, come lettura leggera.
    Ora, a distanza di mesi, mi chiedo perchè non l'ho chiuso dopo la prima manciata di capitoli. Odio lasciare i libri in sospeso e questo non era totalmente da buttare via, però questa tua recensione mi toglie ogni voglia di continuare la serie.
    Al contrario di tutti, forse, a me i triangoli amorosi piacciono. Sì, mi piacciono solo se i personaggi sono ben costruiti e se questo triangolo viene sviluppato nei migliori dei modi, non di certo fatto apparire così, senza un motivo, solo perchè ormai fa tendenza.
    Non so ancora se continuerò la serie, magari se proprio non avrò nulla da leggere, ma la tua recensione - sebbene l'abbia apprezzata molto - mi toglie ogni voglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, se il triangolo è ben costruito lo adoro(anche se nella maggior parte dei casi mi spezza il cuore), ma ormai è difficile trovare triangoli del genere =(

      Elimina
  7. Oh... io lo vorrei leggere comunque!
    Sono molto curiosa! Anche a me non piacciono i triangoli amorosi ma se però la storia è costruita bene (tipo Matched) mi può anche piacere ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si dagli una possibilità, soprattutto se ti è piaciuto Firelight ;)

      Elimina
    2. Proprio non ho letto neanche Firelight... :-) sicuramente recupererò!

      Elimina
  8. Effettivamente nemmeno il primo mi aveva colpito granché.. E soprattutto non ho letto molte recensioni positive a riguardo! E come dice Mielelucegrace, la voglia ora non è aumentata! Magari col terzo si riprende in grande stile! :)

    Ps: Ho aggiunto il tuo banner al blog, spero non ti dispiaccia, mia mentore! :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che no, anch'io ho aggiunto il tuo ;)

      Elimina
  9. Io credo di avercela un bel pó con la Jordan, perché un'idea tanto originale non puó diventare una storia banale fatta di personaggi superficiali e di un triangolo che piú che mal strutturato, lo definirei come inutile (caratteristica che accomuna praticamente ogni singolo triangolo nel mondo YA, tranne qualche eccezione come quello Katniss/Peeta/Gale o Will/Tessa/Jem). Vanish non credo quindi lo leggeró, o almeno non per adesso, perché ho poco tempo libero e una montagna di libri che hanno la precedenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto il triangolo nella maggior parte dei libri è inutile, e soprattutto non appassiona!I triangoli Katniss/Peeta/Gale e Will/Tessa/Jem invece mi hanno praticamente spezzato il cuore!

      Elimina
  10. Io sto leggendo Firelight, a me hanno incuriosito i Draki!
    Vedremo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero ti piaccia più di quanto è piaciuto a me ;)

      Elimina
  11. Spero di leggerlo presto anche io. Ci organizzi un bel giveaway anche con questo?La mia lista dei prossimi acquisti è chilometrica !!!!Qui ci vuole la banca d'Inghilterra!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, anche la mia ormai è chilometrica!Per il giveaway, tra poco avrai qualche sorpresina ;)

      Elimina
  12. Bellissima recensione[: [mi hai fatto morire dal ridere in certi puntixD] e anche se non ho letto Vanish posso dire di concordare a pieno per quanto riguarda la storia in generale e i personaggi - che dio solo sa quanto ho odiato, li ho trovati di una banalità oscena e pieni di clichè. Sono ancora dell'idea di voler dare un tentativo a Vanish per quanto non mi entusiasmi, ma me la prendo con comodo - magari aspetto anche l'uscita di Hidden u.u

    RispondiElimina
  13. Non ho letto il primo, non mi invogliava. o leggerò per curiosità ma almeno grazie a te so che devo vederlo per ciò che è e non per ciò che promette.

    RispondiElimina
  14. Ho intenzione di leggere Vanish al più presto ma c'è sempre qualche libro in inglese che mi attira *_* xD

    RispondiElimina
  15. Ho il libro tra gli arretrati che aspettano sullo scaffale LOL

    Comunqueee che palle i triangoli XD prometto che se mai riuscirò a finire uno dei miei benedetti libri non ci metterò nessun triangolo anche perchè che palle scoccia ritrovarseli ovunque!

    Come sono curiosissima riguardo Tamra *-*

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)