Recensione Bright Smoke, Cold Fire Rosamund Hodge




Bright Smoke, Cold Fire è il primo volume di una nuova serie scritta da Rosamund Hodge, che può essere descritta come una rivisitazione fantasy di Romeo e Giulietta (anche se la storia in sé è molto più di questo). 
Devo dire che questo libro mi ha lasciata un po' perplessa. Finora non ho fatto che amare i retellings scritti dalla Hodge, Crimson Bound in particolare (che resta il mio preferito di suo), e mi aspettavo grandi cose anche da Bright Smoke, Cold Fire. 

Una delle ragioni principali per cui il libro non mi ha convinta del tutto è sicuramente il fatto che si tratta di una duologia, e non di un autoconclusivo. Cruel Beauty e Crimson Bound erano libri completi, mentre Bright Smoke, Cold Fire , raccontando solo metà della storia, risulta essere un po' troppo dispersivo. 
Non si riesce a capire dove l'autrice voglia andare esattamente con la storia, e il finale che lascia quasi tutto in sospeso non aiuta di certo.

Detto questo, si tratta pur sempre di un retelling scritto dalla Hodge, i cui principali punti di forza sono lo stile e la creatività con cui sviluppa le sue storie: Bright Smoke, Cold Fire dunque rimane una lettura estremamente complessa, ricca di elementi nuovi e originali, che si mescolano alla storia originale di Romeo & Juliet. 
Non voglio svelare molto della trama, ma posso anticiparvi gli elementi che ho apprezzato di più: 
Si tratta di un retelling di Romeo e Giulietta, ma non sono loro a narrare la storia. 
La trama, i personaggi, e i rapporti che si costituiscono fra gli stessi prendono una direzione completamente diversa rispetto a quella che ci si aspetterebbe. 
Il libro non si concentra tanto sulla storia d'amore (anche se è da lì che sfocia l'intera trama), quanto sulle relazioni di quasi-amicizia che si instaurano fra i personaggi principali. 
La necromanzia è il principale elemento fantasy del libro, insieme alle creature dei revenants.

In generale Bright Smoke, Cold Fire è un buon libro-ha tutti gli elementi che caratterizzano la Hodge solitamente più delle premesse a dir poco geniali - ma non è riuscito a conquistarmi come gli altri suoi libri. Aspetto di leggere il seguito per giudicare la storia completa, ma per ora non consiglio di partire da questo libro se si vuole iniziare a leggere qualcosa di quest'autrice. 



Difficoltà letture in lingua-media. Non lo consiglio se si è nuovi alla lettura in lingua. 

4 commenti:

  1. Sono indecisa! Bellezza crudele era stato pieno di alti e bassi, seppure alla fine mi era piaciuto, ma per quanto riguarda gli altri retelling dell'autrice non sono molto convinta..sarà anche perché in questo periodo non sono tanto in vena di questo tipo di fantasy..

    RispondiElimina
  2. Bellezza Crudele non mi era piaciuto e Il sentiero del bosco incantato non sono manco riuscita a finirlo... direi che per me la Hodge è caput xD

    RispondiElimina
  3. Non ho spesso sentito parlare bene di questa autrice devo dire, le trame e le cover le adoro ma tutti i commenti negativi mi hanno frenata. Non so se arriverà mai il momento di provare a leggere i suoi libri, vedremo..

    RispondiElimina
  4. Questo libro mi incuriosisce un sacco ma non l'ho ancora recuperato! Bellezza crudele e Il sentiero del bosco incantato mi aspettano entrambi sul Kindle. Juliette, tu che li hai letti entrambi, da quale mi consigli di iniziare? *-*

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)