Recensione Và, metti una sentinella di Harper Lee

Buongiorno, lettori!Oggi vi parlo dell'attesissimo Go Set a Watchman di Harper Lee, pubblicato quest'estate negli USA e che uscirà a giorni anche qui in Italia. Solitamente non recensisco questo genere di romanzi ma ci tenevo a parlarvene e chiarire un po' di dubbi e false aspettative che tutta la pubblicità degli ultimi mesi ha generato. Nel complesso il libro mi è piaciuto, anche se non si è rivelata esattamente la lettura che mi aspettavo!


Go set a watchman è sostanzialmente un refuso, una delle prime bozze che la Lee ha scritto prima della storia che tutti noi conosciamo come Il buio oltre la siepe. È la bozza che vede una Jean Louise adulta come protagonista, e che ha poco in comune col libro pubblicato cinquanta anni fa. 
Sono state tante anche le critiche su come in Go set a watchman i personaggi siano cambiati radicalmente. Ci tengo a specificare che questo libro (che non ha subito modifiche dalla prima bozza e che dunque si definisce a stento un vero e proprio libro) non è un sequel, ma semplicemente un’altra versione della storia di Scout e Atticus, tanto che vi sono perfino piccole differenze a livello di avvenimenti (in Go Set A Watchman, per esempio, Atticus vince il processo di Tom Robinson). 

L'isola di ogni uomo, Jean Louise, la sentinella di ogni uomo, è la sua coscienza. Non esiste niente di simile a una coscienza collettiva.

In Il buio oltre la siepe osserviamo tutto dal punto di vista di una bambina. In Go set a watchman siamo catapultati nella mente cinica e ribelle di una Jean Louise ormai donna, abituata a una visione radicale di ciò che è giusto e sbagliato. Quando torna al Sud e si rende conto che le persone che l’hanno vista crescere, suo padre in primis, sono completamente diverse da ciò che ricordava, deve fare i conti con una realtà estremamente difficile da accettare. 
Atticus nel corso degli anni è cambiato e le sue idee ed opinioni non sembrano più riflettere la persona che Scout ricordava, e ciò getta la ragazza in uno stato di rabbia, confusione e incertezza. Ma Atticus è davvero cambiato, o è Scout che sta finalmente realizzando che suo padre non è l’essere perfetto che aveva idealizzato?

La parte più importante di To kill a mockingbird per me è sempre stata il modo in cui Scout, nel corso del libro, è cresciuta ed è arrivata alla realizzazione di tante piccole verità sulla vita e sul mondo, il tutto con a sfondo le vicende del processo di Tom Robinson. Go set a watchman invece si incentra sulla lotta interiore che la stessa Scout vive una volta giunta alla realizzazione che gli ideali in cui ha sempre creduto non corrispondono pienamente a quelli delle persone che ama. La Lee poi ci concede alcuni sprazzi dell’infanzia e dell’adolescenza di Scout, tutti ricordi che vengono reinterpretati dalla protagonista in maniera diversa alla luce degli avvenimenti che vive da adulta, ma che ho apprezzato moltissimo leggere.

Ti stava permettendo di far cadere i tuoi pilastri uno a uno. Ti stava permettendo di ridurlo allo status di essere umano. 



Questa è probabilmente  la citazione che riesce ad esprimere nel modo migliore il significato del libro. Scout, così come noi lettori, è costretta ad abbandonare tutte le idee che si era costruita su Atticus e Maycomb ed accettare la realtà che le viene presentata. 
Nel complesso sono felice di aver letto il libro, penso dia un buon senso di chiusura alla storia di Scout lasciando anche abbastanza all’immaginazione del lettore. Go Set a watchman è una sorta di lettura "complementare" a Il buio oltre la siepe che permette di comprendere meglio l'autrice e il processo di creazione della storia che l'ha resa famosa. 



Difficoltà di lettura in lingua-medio/alta-Non lo consiglio per le prime letture in inglese, il linguaggio usato dalla Lee è abbastanza complesso, oltre che pieno di slang. Tuttavia come libro è molto breve, quindi chi ha un po' di dimestichezza con l'inglese non dovrebbe incontrare particolari difficoltà.

10 commenti

  1. Bella recensione! Nonostante le opinioni discordanti che ho sentito ho intenzione di leggerlo comunque, sono molto curiosa! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ilaria ^^ Si ti consiglio decisamente di leggerlo, soprattutto se hai amato To kill a mockingbird *__*

      Elimina
  2. Io ho amato "Il buio oltre la siepe" e non vedo l'ora di leggere questo, però aspetterò la traduzione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbe uscire proprio questo mese se non sbaglio ^^ Poi fammi sapere che ne pensi :)

      Elimina
  3. L'originale mi è piaciuto, ma sinceramente non troppo.
    Senza età, ma così noto che, forse, mi aspettavo di più. Questo lo leggerò, ma con calma. Stalkero Libraccio per averlo a metà prezzo. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passerò sicuramente a leggere il tuo parere Mik :)

      Elimina
  4. Uhm, ignoravo il fatto che fosse soltanto una specie di prima bozza del romanzo originale (del resto non mi ero molto informata) che mi è comunque piaciuto, ma non da morire! Penso che per sta volta passerò :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io l'avevo capito all'inizio, ma in effetti se lo leggi aspettandoti un sequel rimani delusa xD

      Elimina
  5. Complimenti per la recensione :) ammetto di non aver ancora letto Il buio oltre la siepe, anche se prima o poi rimedierò, quindi non avevo mai prestato attenzione a questo, ma mi hai incuriosita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!Guarda io l'ho letto solo l'anno scorso, ma è sicuramente una lettura da fare ^^

      Elimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)