Recensione All the Rage Courtney Summers

Buona domenica a tutti, lettori!Oggi vi propongo la recensione di una delle mie letture preferite di aprile, All The Rage di Courtney Summers. Vi ho parlato già di quest' autrice in diversi post, amo i suoi libri e il suo modo di scrivere, e All the rage in particolare è probabilmente il suo miglior romanzo scritto finora.



All the rage
Courtney Summers
Editore: St Martin's Griffin
Data di uscita: 14 aprile 2015 (USA)
Pagine: 321
Trama:Il figlio dello sceriffo, Kellan Turner, non è il meraviglioso ragazzo che tutti credano sia, e Romy Grey lo sa. Perché nessuno vuole credere a una ragazza che viene dall'altro lato della città, la verità su di lui le ha costato tutto-amici, famiglia, la sua comunità. Giudicata bugiarda e vittima di bullismo da un gruppo di ragazzi una volta suoi amici, l'unico rifugio di Romy è il diner in cui lavora fuori città. Ma quando una ragazza legata sia a Romy che Kellan scompare, e arriva la voce che lui abbia violentato un'altra ragazza di un'altra città, Romy deve decidere se vuole lottare o sopportare il peso di sapere che altre ragazze potrebbero soffrire se non parla. Nessuno le ha creduto la prima volta- e di certo nessuno lo farà ora-ma il costo del silenzio potrebbe essere più quanto riesca a sopportare.

My Review



Penso che All the rage sia il più potente libro sullo stupro scritto da quando fu pubblicato Speak. Le parole non dette, della Anderson. All the rage è molto più intenso e brutale, la protagonista ha un età diversa e vive anche una situazione-sociale e familiare-diversa, ma di fatto entrambi i libri si concentrano sulla vita dopo la violenza, su come un evento del genere cambia radicalmente la persona che eri e ti trasforma in qualcuno che nemmeno riconosci.

Sai in quanti modi si può uccidere una ragazza? 
Dio, ce ne sono così tanti. 

Conosco la Summers da un po' di tempo ormai, e se c'è una cosa che accomuna tutti i suoi libri, oltre all'intensità e al realismo con cui vengono scritti, è il modo in cui i suoi personaggi, le sue eroine, non siano altro che ragazze che lottano per sopravvivere, o meglio, per trovare una ragione di sopravvivere. Sloane di This is not a test, Eddie di Fall for Anything, e adesso Romy, tutte mostrano come può diventare difficile e doloroso essere un adolescente, specialmente quando il mondo intorno a te non fa niente per aiutarti. 

E' sorprendente come puoi far sembrare la verità qualcosa di sbagliato. Fino a che rendi le parole che dici parzialmente vere, la folla ci crederà senza nemmeno pensare a quanto le hai distorte prima.


Dalla trama si riesce già a capire di cosa più o meno il libro parli, ma in realtà, più che sulla decisione di Romy di parlare e aiutare altre ragazze, si concentra su tutto ciò che succede nella vita, e nella mente, di Romy dopo la tragica notte in cui è stata violentata. 

Nel dopo, Romy non ha più niente. La sua vita le è stata rubata, la sua libertà portata via, e la cosa peggiore?Nessuno le crede. 
Come può il figlio dello sceriffo-bello, intelligente, amato da tutti-aver fatto una cosa del genere?Come può Romy-che viene dalla parte sbagliata della città, che non ha nessuno al suo fianco-dire la verità?Deve esserselo inventato. Deve aver mentito. 

Il fatto che tutti, anche le persone che fino ad allora si consideravano suoi amici, preferiscano credere a una bugia, guardare dall'altra parte, semplicemente perché è più facile, piuttosto che avere il coraggio di supportare Romy, è qualcosa che la fa soffrire ancora di più e che la porta a chiudersi dentro di sé, non fidandosi più di nessuno, non credendo nemmeno che qualcosa di bello arriverà mai nella sua vita. E poi qualcosa di bello finalmente arriva. Riuscirà Romy a non lasciarlo andare via?

Non si tratta di un libro facile da leggere. All the rage è un romanzo intenso, doloroso e terribilmente realistico e onesto. Come il titolo suggerisce, la rabbia è l'emozione predominante nella storia, qualcosa che sia Romy, che il lettore, proveranno ad ogni pagina. Ma nel finale-un finale aperto e che lascia tanto in sospeso-c'è anche un piccolo barlume di speranza, la possibilità che la protagonista, in qualche modo, smetterà di sopravvivere e comincerà a vivere di nuovo.


Difficoltà in lingua-Medio-bassa. Non adattissimo come prima lettura in lingua, ma semplice abbastanza per chi ha già letto qualcosa.



11 commenti:

  1. Sono così felice che ti sia piaciuto! E' uno di quei libri che vorrei leggere subito (e lo farò, non appena il rilegato costerà un pò di meno su Amazon u.u) *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa di sapere cosa ne pensi, Frannie! :)

      Elimina
  2. Sento parlare sempre benissimo di questa autrice, soprattutto da te e Veronica e ammetto che a forza di vedere il vostro entusiasmo, ormai la voglia di leggere qualcosa di suo è davvero molto prepotente.
    Come sempre ho il problema di avere una marea di letture italiane in arretrato e considerando la TBR enorme è difficile che mi metta a pensare di allungarla ulteriormente con libri in lingua. Fatto sta che, prima o poi, qualcosa della Summers dovrò leggerlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero davvero che inizino a pubblicare qualcosa della Summers anche qui, è un'autrice che deve assolutamente essere conosciuta anche dai lettori italiani!

      Elimina
  3. Va bene, ho deciso: devo assolutamente leggere questo libro! Non ho mai letto nulla della Summers, ma in molti ne parlano davvero benissimo.. sono proprio curiosa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo penso sia il libro più intenso della Summers, se lo leggi fammi poi sapere che ne pensi :)

      Elimina
  4. Non è decisamente il genere che mi piace leggere, però mi hai messo tanto curiosità *_* sembra proprio bello! Di questa autrice voglio leggere anche This is not a test!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche This is not a test è meraviglioso, è stato il mio primo libro della Summers e l'ho amato *___*

      Elimina
  5. Sembra davvero un libro toccante! Non penso di leggerlo adesso perché non mi sento pronta per qualcosa di così forte in questo momento, ma penso di farlo prima o poi. Grazie del consiglio e complimenti per la recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Simona!Già ogni libro deve essere letto al momento giusto :)

      Elimina
  6. Possiedo già This is not a test ed è da quando mi è arrivato che voglio leggerlo ma poi non ho mai tempo con la TBR extralunga che mi ritrovo :c
    Comunque avevo messo il like sulla pagina facebook dell'autrice e avevo già adocchiato All the rage, dopo la tua recensione, anche se già avevo pochi dubbi, finisce subito in wishlist :)

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)